STATUTO

ARTICOLO 1 – DENOMINAZIONE – AFFILIAZIONE – SEDE

L’Associazione Sportiva Dilettantistica CENTRO STORICO LEBOWSKI, denominata anche, in forma abbreviata, C.S. LEBOWSKI è stata costituita in Firenze il 16.07.2010.
E’ affiliata, tra le altre, alla Federazione Italiana Giuoco Calcio e si impegna ad osservarne le normative statutarie e regolamentari.
L’Associazione si impegna altresì ad accettare eventuali provvedimenti disciplinari che gli organi competenti della F.I.G.C. stessa dovessero adottare a suo carico, nonché le decisioni che le Autorità federali dovessero prendere in tutte le vertenze di carattere tecnico disciplinare attinenti all’attività sportiva. Costituiscono quindi parte integrante del presente Statuto le norme degli Statuti e dei Regolamenti federali nella parte relativa all’organizzazione o alla gestione delle società affiliate. L’Associazione ha piena autonomia giuridica e patrimoniale, è indipendente da enti pubblici o privati, italiani o stranieri, aventi scopo di lucro. La sede legale si trova nel Comune di Firenze.

ARTICOLO 2 – DURATA , SCOPO E PRINCIPI

La durata dell’Associazione è a tempo indeterminato.
Il Centro Storico Lebowski è un associazione sportiva dilettantistica che nasce come emanazione della propria tifoseria. Aspira, attraverso le sue attività e le varie anime che la compongono, a diffondere valori quali la solidarietà, l’aggregazione, l’auto-organizzazione, la cooperazione, l’antifascismo, l’anti-razzismo, l’anti-sessismo, il protagonismo contrapposto alla delega, all’isolamento, all’egoismo e all’individualismo.
Il Centro Storico Lebowski ripudia la mercificazione del calcio, sport tradizionalmente popolare. Si batte altresì contro l’invasione di sponsor e capitali di investimento interessati unicamente alla spettacolarizzazione del calcio, sradicando quest’ultimo dalle sue radici e dalla base sociale cui appartiene, ossia i tifosi e il territorio.
Solo concretizzando con la pratica quotidiana questi valori, sia nelle azioni che nelle scelte di vita, collaborando con soggetti in linea con questi principi riteniamo possibile un radicale cambiamento del mondo in cui viviamo, aspirazione alla quale va ricondotta l’esistenza stessa del nostro movimento. Il Centro Storico Lebowski promuove inoltre la cultura del tifo.

ARTICOLO 3 – ATTIVITA’

Conseguito il previsto riconoscimento ai fini sportivi, l’Associazione organizza le attività sportive dilettantistiche, la formazione e la preparazione di squadre nella disciplina sportiva calcistica, compresa l’attività didattica per l’avvio, l’aggiornamento e il perfezionamento della medesima attività sportiva nel quadro, con le finalità e con l’osservanza delle norme e delle direttive emanate
dal C.O.N.I. e dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio-Lega Nazionale Dilettanti. L’Associazione è soggetta al riconoscimento ai fini sportivi da parte del C.O.N.I.. Per il miglior raggiungimento degli scopi sociali, l’Associazione, potrà svolgere l’attività di
gestione, manutenzione ordinaria di impianti ed attrezzature sportive abilitate alla pratica della disciplina del gioco del calcio. L’Associazione potrà svolgere attività socio-ricreative a favore dei propri soci, ivi compresa la gestione di punti di ristoro.

ARTICOLO 4 – COLORI SOCIALI

I colori sociali del C.S. Lebowski sono il grigio e il nero.

ARTICOLO 5 – PATRIMONIO

Il patrimonio sociale è formato dai contributi versati dai soci all’atto della costituzione e delle successive adesioni, da beni mobili e immobili che l’Associazione possiede e da quanto potrà possedere in avvenire nonché da eventuali fondi di riserva costituiti con eventuali eccedenze di bilancio e da eventuali elargizioni e donazioni di associati e di terzi. E’ fatto divieto all’Associazione di distribuire tra i Soci, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione.
L’eventuale avanzo di gestione sarà impiegato per la realizzazione delle finalità istituzionali o per mantenere delle riserve prudenziali per la continuazione e lo sviluppo dell’Associazione.

ARTICOLO 6 – ENTRATE

Le entrate sono costituite da:
a) quote associative;
b) contributi ordinari o straordinari dei soci;
c) proventi di natura commerciale, ricavati dalla vendita di beni auto-prodotti o prodotti in collaborazione con soggetti terzi;
d) proventi derivanti dall’ organizzazione di eventi musicali, culturali, ricreativi ecc. rivolti anche a non soci;
e) compensi relativi a prestazioni di sponsorizzazione e/o pubblicitarie, dalla cessione del diritto di immagine e del diritto di sfruttamento del marchio C.S. Lebowski da parte di soggetti economici che svolgono attività compatibili con i valori dell’associazione di cui all’art.2;
f) eventuali introiti di manifestazioni sportive e attività connesse nonché di eventuali sottoscrizioni;
g) eventuali contributi del C.O.N.I., della Federazione Italiana Giuoco Calcio, di Enti pubblici o di qualsiasi altro genere;
h) Forme di finanziamento in favore di organizzazioni no profit diverse dalle donazioni e che non comportino maggiori oneri per l’Associazione ( esempio 2 per mille, 5 per mille…)

ARTICOLO 7 – ANNO SOCIALE

L’esercizio sociale chiude il 30 giugno di ogni anno.
L’apertura dell’anno sociale avviene nel mese di luglio in occasione dell’Assemblea Generale dei Soci (si veda Art. 14).

ARTICOLO 8 – SOCI

Sono Soci tutti coloro che partecipano alle attività sociali, sia sportive che ricreative.
I Soci dell’Associazione possono essere tutte le persone fisiche di ogni sesso, genere e orientamento sessuale, ogni nazionalità e residenza sostenitori dell’Associazione o in sintonia con i principi della stessa, che accettano di essere vincolati al presente Statuto e che non siano investite di ruoli palesemente incompatibili con lo stesso.
Le domande di ammissione vengono esaminate e approvate o respinte dal Comitato di Indirizzo e Attuazione (C.I.A.), che in caso di reiezione della domanda ne indica le motivazioni. Il richiedente con la domanda di ammissione si impegna ad osservare il presente Statuto, le norme da esso richiamate, l’eventuale Regolamento interno e le disposizioni del Comitato. Deve il richiedente, altresì, impegnarsi a versare la quota associativa annuale di cui all’art. 6 lett. a) e b) del presente Statuto.
La qualifica di socio è personale e non è trasmissibile né in vita né a eredi o legatari.
Ogni socio è eleggibile alle cariche sociali ai sensi di quanto espressamente previsto dall’art. 17 del presente Statuto.
Il socio del C.S. Lebowski non potrà fare dichiarazioni pubbliche in nome e per conto dell’Associazione senza aver ricevuto espressa autorizzazione dal Comitato di Indirizzo e Attuazione, nei modi e nelle forme previste dal regolamento interno.

ARTICOLO 9 – CATEGORIE DEI SOCI

Le categorie dei soci sono le seguenti:
a) Soci fondatori: coloro che, intervenendo nella fase costitutiva, danno vita all’Associazione;
b) Soci ordinari: coloro che, aderiscono all’Associazione dopo la fase costitutiva. Per ogni anno sociale, su proposta del C.I.A. e accettazione dell’Assemblea Generale, all’interno della categoria dei soci ordinari possono essere previste specifiche declinazioni e sottocategorie.
Tutti i soci, fondatori e ordinari, sono tenuti al versamento della quota associativa stabilita dall’Associazione ed hanno diritto di voto nelle Assemblee sociali. Ciascun socio è titolare di uguali diritti nel rapporto associativo e non sono ammessi soci a carattere temporaneo.
I soci validi sono quelli in regola con il pagamento della quota associativa (fatta eccezione per un eventuale periodo di deroga a cavallo tra due anni sociali a discrezione del Comitato di Indirizzo e attuazione che ne darà opportuna comunicazione).

ARTICOLO 10– DIRITTI E DOVERI DEI SOCI

I soci hanno diritto d’informazione e di controllo stabiliti dallo Statuto, compreso il diritto di essere eletti alle cariche sociali nel rispetto dei requisiti previsti dallo Statuto stesso, hanno il diritto di votare direttamente nell’Assemblea dei soci e di recedere in qualsiasi momento dall’appartenenza all’Associazione.
I soci hanno diritto a candidarsi alle cariche sociali se in possesso dei requisiti, e a partecipare alla vita associativa e alle manifestazioni promosse dall’Associazione; hanno, inoltre, diritto a frequentare i locali e gli impianti sportivi di cui fruisce l’Associazione.
Tutti i soci che abbiano raggiunto la maggiore età esercitano il diritto di voto. Tale diritto sarà automaticamente acquisito dal socio minorenne alla prima assemblea utile svoltasi dopo il raggiungimento della maggiore età.
Tutti i soci hanno diritto a partecipare ai Consigli aperti (vedi art.21) e alle Riunioni di Comitato (vedi art.19) e a ricevere adeguata comunicazione sulle principali vicende societarie attraverso un’apposita comunicazione e-mail (newsletter) (si veda artl 19 lett. f).
Tutti i soci hanno inoltre diritto ad accedere all’area riservata predisposta sul sito www.cslebowski.it, all’interno della quale potranno partecipare a sondaggi consultivi, porre interrogazioni ai membri del Comitato di Indirizzo e Attuazione e del Consiglio Operativo, partecipare a discussioni ed acquistare, in modo esclusivo, il materiale ufficiale C.S. Lebowski.
Il socio, nell’esercizio della propria attività di controllo e di partecipazione, ha contestualmente l’obbligo morale di impegnarsi ad acquisire la maggior consapevolezza possibile, secondo le proprie capacità e disponibilità, dei processi, dei fatti e del contesto nel quale il C.I.A. opera e delibera, attraverso il ricorso all’informazione ufficiale e alla partecipazione attiva in ogni sede, formale ed informale, a cui egli accede e può accedere nel suo tempo libero. Il CS Lebowski favorisce ed auspica la libertà d’espressione del socio come veicolo della compartecipazione cognitiva attiva.

ARTICOLO 11 – ASSEMBLEA DEI SOCI

L’Assemblea è costituita da tutti i soci. L’Assemblea è indetta dal Comitato di Indirizzo ed è convocata dal Presidente, mediante comunicazione agli associati a mezzo posta elettronica e affissione nel sito web ufficiale www.cslebowski.it e nei principali network dell’Associazione. La comunicazione deve essere inviata ai Soci, almeno 15 giorni prima della data fissata per l’Assemblea, all’indirizzo e-mail risultante dal libro dei soci. Nella comunicazione devono essere indicati il giorno, il luogo e l’ora della prima e della seconda
convocazione dell’Assemblea nonché l’ordine del giorno.

L’Assemblea può essere ordinaria e straordinaria.
L’Assemblea ordinaria dei Soci è convocata dal Comitato di Indirizzo e Attuazione con almeno 15 giorni di preavviso, ogni qualvolta questo lo ritenga opportuno, oppure ne sia fatta richiesta da almeno dieci Soci e, comunque, almeno due volte l’anno per:
– aprire l’esercizio sociale e deliberare sul conto preventivo (ASSEMBLEA GENERALE di Luglio)
– deliberare sul conto consuntivo dell’esercizio sociale dell’anno precedente accompagnato dalla
relazione predisposta dal Comitato di Indirizzo e Attuazione e deliberare sull’ammontare della
quota associativa relativa all’anno sociale successivo, nonché su eventuali quote straordinarie,
eleggere le cariche sociali (si veda art. 15); (ASSEMBLEA ELEZIONE CARICHE di Dicembre).
L’Assemblea straordinaria viene indetta a seguito di richiesta avanzata dalla metà più uno dei componenti il Comitato d’indirizzo e attuazione, o dalla metà più uno dei soci. In tal caso l’Assemblea deve essere convocata entro trenta giorni dalla richiesta dei soci.
L’Assemblea straordinaria delibera:
a) sulle proposte di modifica dello Statuto Sociale;
b) sugli atti e contratti relativi a diritti reali immobiliari;
c) sull’integrazione degli Organi sociali elettivi qualora la decadenza degli stessi sia tale da comprometterne la funzionalità, non essendo possibile, di conseguenza, attendere la prima Assemblea ordinaria utile;
d) su ogni altro argomento di particolare interesse, gravità e urgenza, posto all’ordine del giorno;
e) sullo scioglimento dell’Associazione e sulle modalità di liquidazione.

ARTICOLO 12 –VALIDITA’ ASSEMBLEARE

L’Assemblea Ordinaria è validamente costituita in prima convocazione con la presenza fisica della maggioranza assoluta degli associati aventi diritto al voto e delibera validamente con voto favorevole della maggioranza dei presenti.
L’Assemblea Straordinaria in prima convocazione è validamente costituita quando sono presenti fisicamente due terzi degli associati aventi diritto al voto e delibera con il voto favorevole della maggioranza dei presenti.
Trascorsa almeno un’ora dalla prima convocazione tanto l’Assemblea Ordinaria che l’Assemblea Straordinaria sono validamente costituite, qualunque sia il numero degli associati intervenuti e delibera con il voto favorevole della maggioranza dei presenti.
Ogni socio in regola con il pagamento della quota sociale ha diritto a un voto. I Soci possono farsi rappresentare in Assemblea da un altro Socio munito di delega scritta. Ogni Socio può rappresentare, per delega, al massimo un altro socio.

ARTICOLO 13 – FUNZIONAMENTO DELL’ASSEMBLEA

L’Assemblea è presieduta dal Presidente dell’Associazione e in sua assenza da uno dei membri del C.I.A.; in assenza di entrambi l’Assemblea nomina in qualità di Presidente uno dei Soci legittimamente intervenuti all’assemblea e designati dalla maggioranza dei presenti.
L’Assemblea, qualora non fosse presente quello in carica, nomina un segretario che redigerà il verbale dell’Assemblea e, se necessario, fino a 5 scrutatori ed assistenti alle operazioni di voto.
Il Presidente verifica la regolare costituzione dell’assemblea, dirige e regola gli interventi e le discussioni, stabilisce le modalità e l’ordine delle votazioni come da ordine del giorno.
Di ogni assemblea l’apposito verbale firmato dal Presidente della stessa, dal Segretario e, se nominati, dagli scrutatori/assistenti viene messo a disposizione di tutti gli associati con le formalità ritenute più idonee dal Comitato d’indirizzo a garantirne la massima diffusione tra i soci e se ritenuto opportuno anche pubblicamente.

ARTICOLO 14 – ASSEMBLEA GENERALE DEI SOCI

L’Assemblea Generale dei Soci si tiene ogni anno tra il 1 e il 15 Luglio.
Il giorno dell’Assemblea Generale coincide con l’apertura del nuovo anno sociale e l’inizio della campagna tesseramento.
In occasione dell’Assemblea Generale dei Soci viene deliberato il conto preventivo del nuovo anno sociale e vengono condivisi gli indirizzi programmatici dell’Associazione.

ARTICOLO 15 – ASSEMBLEA ELEZIONE CARICHE E DELIBERAZIONE BILANCIO

L’Assemblea si tiene ogni anno tra il 1 e il 15 Dicembre.
In quell’occasione viene sottoposto il bilancio consuntivo dell’anno sociale precedente all’approvazione dell’Assemblea dei soci.
Il bilancio consuntivo deve informare circa la complessiva situazione economico-finanziaria dell’Associazione alla chiusura dell’anno sociale precedente e deve essere redatto con chiarezza e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale ed economico-finanziaria dell’Associazione, nel rispetto del principio della trasparenza nei confronti degli associati.
In quell’occasione i soci devono deliberare circa l’ammontare delle quote associative previste per l’anno sociale successivo.
In occasione dell’Assemblea, ogni 2 anni vengono eletti i membri del Comitato d’indirizzo e attuazione e ogni 4 anni viene eletto il Presidente dell’Associazione.

ARTICOLO 16 – ORGANI SOCIALI

Sono organi dell’Associazione oltre all’Assemblea dei Soci:
a) Il Comitato d’indirizzo e attuazione ;
b) Il Presidente

ARTICOLO 17- ELEZIONE CARICHE

Ogni Socio associato da almeno 2 anni può essere eletto e ricoprire una delle cariche sociali.
Per la carica di Presidente occorre essere Soci da almeno 3 anni.
Coloro che intendono essere eletti o rieletti nelle cariche sociali, devono presentare la propria candidatura almeno 5 giorni prima della data stabilita per l’effettuazione dell’Assemblea preposta (si veda art.15) dandone comunicazione scritta al Presidente in carica dell’Associazione o al Segretario elettorale eventualmente eletto dal Comitato di Indirizzo e Attuazione.
Ogni carica di membro del Comitato di Indirizzo e Attuazione viene rinnovata:
– ogni due anni in occasione dell’Assemblea elezione cariche e approvazione bilanci;
– durante l’anno sociale in caso si presenti un posto vacante nella composizione societaria (in questo caso il Presidente dovrà dare opportuna comunicazione ai Soci)

Per potersi candidare occorre essere soci effettivi dell’Associazione da almeno due anni e, quindi, avere i requisiti indicati nel presente Statuto e non ricoprire cariche sociali in altre società ed associazioni sportive dilettantistiche nell’ambito della medesima disciplina sportiva dilettantistica.
Il Consiglio Operativo (art. 20) , invece, si compone di membri non eletti ma incaricati direttamente dal Comitato di Indirizzo e Attuazione.

ARTICOLO 18 – PRESIDENTE

Il Presidente, per delega del Comitato di Indirizzo e Attuazione, dirige l’Associazione e ne è il legale rappresentante in ogni evenienza. Esso può validamente rappresentarla in tutti gli atti, contratti, giudizi, nonché in tutti i rapporti con Enti, Società, Istituti pubblici e privati.
Il Presidente è eletto/confermato ogni 4 anni dai Soci in occasione dell’Assemblea Cariche e Bilancio nel mese di Dicembre.
Il candidato Presidente deve essere Socio dell’Associazione da almeno 3 anni, salvo diversa deliberazione di almeno il 50%+1 dell’Assemblea dei Soci.

ARTICOLO 19- COMITATO DI INDIRIZZO E ATTUAZIONE

Il Comitato di Indirizzo e Attuazione è un organo formato da 9 membri, tra i quali il Presidente.
Sono eleggibili alla carica di membro del C.I.A. tutti i Soci affiliati al Club da oltre 2 anni.
Il Comitato di Indirizzo e Attuazione viene eletto/confermato, ogni 2 anni, in ogni singolo componente in occasione dell’Assemblea Cariche e Bilancio, tra tutte le candidature pervenute alla Presidenza o al Segretario elettorale nei termini previsti (art.17).
Ogni Socio presente all’Assemblea può esprimere fino a 8 preferenze.
Il Comitato di Indirizzo e Attuazione contribuisce alla definizione della strategia per il raggiungimento degli obiettivi generali dell’Associazione:
a) individuando le aree di intervento ed i rispettivi Responsabili di Area, che formeranno il Consiglio Operativo dell’Associazione (C.O.), secondo quanto previsto dall’art. 20;
b) gestendo e individuando negli importi la quota delle risorse assegnate alle varie aree di intervento;
c) comunicando ai Soci la definizione delle aree di intervento ed i membri scelti per il Consiglio Operativo entro 30 giorni dall’avvenuta Assemblea Generale di Luglio ed ogni eventuale variazione in corso;
d) presentando il bilancio preventivo della stagione in corso ed il bilancio consuntivo della stagione conclusa (art. 15);
e) Organizzando e coordinando il lavoro del Consiglio Operativo;
f) Comunicando ai Soci l’andamento dei lavori attraverso sistemi elettronici (e-mail, newsletter), convocando trimestralmente una seduta di Consiglio aperta a tutti i soci (si veda art.21) e permettendo loro di poter assistere alle riunioni mensili di Comitato.

Qualora si renda necessario, durante il corso dell’attività il Comitato d’Indirizzo è delegato dai Soci a trasferire la sede legale dell’Associazione all’interno del territorio del Comune di Firenze.

Tutti gli incarichi sociali si intendono a titolo gratuito. Il Comitato di Indirizzo e Attuazione rimane in carica due anni ed i suoi componenti sono rieleggibili. Le deliberazioni vengono adottate a maggioranza. Anche il voto del Presidente vale come quello dei membri del Comitato, salvo in caso di parità dovuta alle astensioni; in quel caso il voto del Presidente sarà decisivo.
Le riunioni di Comitato sono validamente costituite con la presenza della maggioranza dei membri in carica e delibera validamente con il voto della maggioranza dei presenti.
Le deliberazioni del Comitato, per la loro validità, devono risultare da un verbale sottoscritto da chi ha presieduto la riunione. Lo stesso deve essere messo a disposizione di tutti gli associati con le formalità ritenute più idonee dal Comitato atte a garantirne la massima diffusione.
Il componente del Comitato che nel corso dell’esercizio sociale risulti assente ingiustificato alle riunioni di Comitato per tre volte, anche non consecutive, decade automaticamente dalla carica.
Nel caso che per qualsiasi motivo durante il corso dell’esercizio venissero a mancare uno o più membri, il Presidente od i rimanenti provvederanno alla convocazione dell’assemblea dei soci per surrogare i mancanti che resteranno in carica fino alla scadenza dei membri sostituiti. Il Comitato d’indirizzo dovrà considerarsi sciolto e non più in carica qualora per dimissioni o per qualsiasi altra causa venga a perdere la maggioranza dei suoi componenti.

ARTICOLO 20- CONSIGLIO OPERATIVO

Il Consiglio Operativo si articola in Aree di intervento.
Il numero e gli indirizzi operativi delle aree di intervento sono determinate dal C.I.A, fatta eccezione per l’area amministrativa che è comunque obbligatoria.
I responsabili di ogni Area d’intervento sono pertanto i membri del Consiglio Operativo della società e sono nominati dal Comitato di Indirizzo e Attuazione.
La nomina dei responsabili di area e qualsiasi variazione deve essere comunicata ai Soci dell’Associazione. (si veda art. 19 lett. C).
Ogni area di intervento prevede una o più funzioni annesse con i relativi processi e mansionario definiti all’interno di uno specifico regolamento, ed un eventuale budget assegnato su decisione del C.I.A.
Gli addetti alle singole funzioni che costituiscono i team di ogni area d’intervento, sono individuati di comune intesa tra i Responsabili di Area d’intervento ed il C.I.A.
Non necessariamente i membri del consiglio operativo e gli addetti alle funzioni fanno parte dei Soci dell’Associazione ed in alcuni casi specifici possono percepire un rimborso spese per la loro prestazione.

ART.21 – CONSIGLIO APERTO

Il consiglio “aperto” viene convocato dal Presidente ogni 3 mesi e pubblicizzato adeguatamente su i media della Società e nell’apposita area riservata ai soci (si veda art.10).
Il consiglio “aperto” prevede la partecipazione del C.I.A., del Consiglio operativo e di tutti i Soci del C.S. Lebowski.
Al primo punto dell’ordine del giorno viene illustrato ai Soci l’avanzamento dei lavori in merito alle tematiche che il C.I.A. ritiene opportuno trattare. Poi sono trattati tutti i temi che i Soci sottopongono in sede di Consiglio, comunicando entro 5 giorni dal Consiglio quale argomento intendono inserire all’ordine del giorno. Il consiglio aperto permette ai Soci di prendere la parola. Tutti, membri, consiglieri e soci hanno uguale tempo per parlare, nell’assoluta libertà di opinione e di espressione.
Al termine della seduta le eventuali proposte emerse vengono votate dai membri del Comitato come nelle normali riunioni di Comitato.

ART.22 – DECADENZA DEGLI ORGANI SOCIALI

I titolari delle cariche sociali decadono:
– per dimissioni;
– per revoca, quando siano intervenuti gravi motivi.
La revoca del Presidente e conseguentemente di tutto il C.I.A. deve essere deliberata dai Soci (a maggioranza) in un’apposita Assemblea straordinaria convocata su proposta dalla maggioranza assoluta dei Soci Fondatori.
La revoca di un singolo membro del C.I.A. deve essere deliberata dai Soci (a maggioranza) in un’apposita Assemblea straordinaria convocata su proposta dei Soci ordinari che rappresentino almeno un decimo della base sociale.

STATUTE

ARTICLE 1 – NAME – AFFILIATION – REGISTERED OFFICE

Associazione Sportiva Dilettantistica CENTRO STORICO LEBOWSKI, abbreviated to C.S. LEBOWSKI, is an Association established in Florence on July 16th 2010. It is affiliated to – among others – the Federazione Italiana Giuoco Calcio (F.I.G.C.), and it undertakes to respect its statute and regulatory norms. The Association also undertakes to accept any disciplinary measures which the competent bodies of the F.I.G.C. may take against it. It further undertakes to accept the decisions taken by the Federal authorities with regard to disciplinary disputes with regard to sporting activity. The norms of the federal Statutes and Regulations which provide for the organisation and management of affiliated associations thus form an integral part of the present Statute. The Association enjoys full juridical and patrimonial autonomy. It is independent from any for-profit public or private entities, be they Italian or foreign. The registered office is located in the territory of the Comune of Florence.

ARTICLE 2 – DURATION, AIM, AND PRINCIPLES

The Association has an indefinite duration.

Centro Storico Lebowski is a non-professional sports association born as the direct emanation of its supporters. Through its activities and the various persons and opinions of which it is composed, the it aims to promote values such as solidarity, togetherness, self-organization, cooperation, anti-racism, anti-sexism, and protagonism as against delegation, isolation, self-centredness and individualism.

Centro Storico Lebowski reject the commodification of football, traditionally a people’s sport. It fights against the invasion of sponsors and investment capital interested only in the spectacularization of football, uprooting it away from its origins and from the social grounding to which it belongs, its supporters and the local environment.

Only by making these values concrete through daily practice, both in our actions and in our life-styles do we think it possible to effect a radical change of the world in which we live. This aspiration is the foundation for the existence of our movement.

Furthermore, Centro Storico Lebowski promotes the culture of football support.

ARTICLE 3 – ACTIVITIES

Having obtained the necessary recognition for sporting purposes, the Association organizes non-professional sporting activities, the formation and preparation of teams in the discipline of association football, including the didactic activity necessary for the launching, updating, and perfecting of said sporting activity within the frame, aims, and norms of the directives emanated by C.O.N.I. and the Federazione Italiana Giuoco Calcio – Lega Nazionale Dilettanti.

The Association is subject to recognition for sporting purposes on the part of C.O.N.I.

In order to better pursue its social aims, the Association will enjoy the right to carry out the management and ordinary maintenance of facilities and equipment finalized to practising the discipline of association football. The Association will also enjoy the right to carry out socio-recreational for its members, including the running of bars and eateries.

ARTICLE 4 – COLOURS

The colours of C.S. Lebowski are grey and black.

ARTICLE 5 – PATRIMONY

The association’s patrimony is formed by the contributions given by members upon constituting the association, and by successive accessions. It is formed also by the movable and immovable property of the Association, and by any future property of the Association, as well as by any reserve funds constituted via budget surplus or members’ or third parties’ donations.

For the duration of its life, Association is forbidden from distributing among members, even indirectly, any profits or operating surpluses, as well as funds, reserves, or capital.

Any operating surplus will be used to further the institution’s activities or to maintain prudential reserves useful for the continuation and development of the Association.

ARTICLE 6 – REVENUE

 Revenue is constituted by:

  1. Membership quotas;
  2. Ordinary or extraordinary members’ contributions;
  3. Commercial profits from the selling of goods self-produced by members of the association or produced in collaboration with third parties;
  4. Profits deriving from the organization of musical, cultural, recreational, etc. events, addressed also to non-members;
  5. Remuneration for sponsorship or advertisement contracts, and for the concession of the image rights of C.S. Lebowski and its use;
  6. Any income from sporting events and connected activities, as well as from any subscriptions;
  7. Any contributions from C.O.N.I., from the Federazione Italiana Giuoco Calcio, public institutions, or any other kind.

ARTICLE 7 – YEARLY PROGRAMME OF ACTIVITIES

The association’s activities close on the 30th of June each year.

The association’s activities open in July with the Assembly of Members (see art. 14).

ARTICLE 8 – MEMBERS

All those who take part in the Association’s activities, be they sporting or recreational, are members.

The members of the association may be all persons of both sexes, any nationality and residence, who support the Association or are in tune with its principles, and who accept to be tied to the present Statute and do not hold roles which are clearly incompatible with it.

Applications for membership are examined and approved or rejected by the Comitato di Indirizzo e Attuazione (Committee for Direction and Implementation, C.D.I.), in the manner prescribed by its internal regulation.

ARTICLE 9 – MEMBERSHIP CATEGORIES

The membership categories are the following:

  1. Founding Members: those who, intervening in the constituting phase, found the Association;
  2. Ordinary Members: those who join the Association after the constituting phase.

Each year of activity, following a proposal by the C.D.I. and approval by the Assembly, specific permutations and subcategories may be implemented within the category of ordinary members.

All members, founding and ordinary, must pay the membership quota set by the Association, and have the right to vote in the Association’s assemblies. Each member holds equal rights within the associative relation. Temporary members are not accepted. Valid members are those who have regularly paid their membership quota (excepting a possible grace period between two successive years of activity set by the C.D.I. which is also charged with communicating said grace period in good time).

ARTICLE 10 – RIGHTS AND DUTIES OF MEMBERS

Members have a right to information and control as set out by the Statute, including the right to be elected to institutional roles within the association following the prerequisites laid out by the Statute itself. Members also have the right to vote in the Members’ Assemble and to rescind their membership at any time.

Members have the right to stand for election for roles within the association – provided they meet the necessary prerequisites – and to take part in the social events fostered by the Association. They also have the right to frequent the venues and sporting facilities used by the Association.

All members aged 18 and older may exercise their right to vote. Such right shall be automatically conferred upon an underage member at the time of the first valid Assembly to take place after said member has turned 18.

All members have the right to take part in open Councils (see art. 21) and in Committee Meetings (see art. 19) as well as to receive adequate communication concerning the main events with regard to the Association via apposite email communication (newsletter) (see art. 19 f).

All members also have the right to access the reserved area set up on the website www.cslebowski.it, within which they will be able to take part in consultations, pose questions to the members of the Committee for Direction and Implementation and of the Operational Council, as well as being able to take part in discussions and buy exclusive C.S. Lebowski official merchandise.

Any given member, by exercising his or her control and participation, contextually takes on the moral obligation of undertaking to become as aware as possible – according to his or her abilities and availability – of the proceedings, events, and context within which the C.D.I. operates and deliberates. Such awareness may be gained through the Association’s official communication and via the active participation in any formal or informal location of the Association’s activities which the member is able to access in his or her free time. C.S. Lebowski favours and promotes all members’ freedom of expression as a vehicle toward his or her active cognitive co-participation.

ARTICLE 11 – MEMBERS’ ASSEMBLYS

The Assembly is constituted by all members. The Assembly is called upon by the Committee for Direction and Implementation and is summoned by the President via communication to members through email and posting on the official website www.cslebowski.it and in the main networks of the Association. Such communication must be sent to all members at least 15 days before the date of the Assembly via email to the address found in the members’ log.

The date, place, and time of the first and second summons of the Assembly must be stated in said communication, together with the order of the day.

The ordinary Assembly of Members is summoned by the Committee for Direction and Implementation with at least 15 days notice, whenever deemed necessary, or when it is requested by at least ten Members, and in any case, at least twice a year in order to:

– open the Association’s activities and deliberate on the preliminary budget (July ASSEMBLY)

– deliberate on the final budget of the Association’s activities for the preceding year, along with the report prepared by the Committee for Direction and Implementation; and to deliberate on the member’s quota for the following year, as well as on any extraordinary quotas, and to elect the Association’s officers (see art. 15); (December ELECTORAL ASSEMBLY)

The extraordinary Assembly is summoned following a request by half plus one of the components of the Committee for Direction and Implementation, o by half plus one of the total members of the Association. In the latter case, the Assembly must be summoned within thirty days.

The Extraordinary Assembly deliberates on:

  1. Statute modification proposals;
  2. Contracts and proceedings regarding real estate rights;
  3. The integration of elective Offices of the association when the decline of the latter is such as to compromise their functions and it is therefore not possible to await the next valid ordinary Assembly;
  4. Any other topic of particular interest, gravity, or urgency on the agenda;
  5. On the disbandment of the Association and on the method of settlement.

ARTICLE 12 – VALIDITY OF THE ASSEMBLY

The Ordinary Assembly is valid in first summons when the absolute majority of voting members is present and it deliberates with the favourable vote of the majority of those present.

The Extraordinary Assembly is valid in first summons when two thirds of voting members are physically present and it deliberates with the favourable vote of the majority of those present.

Once an hour has passed from the first summons, both the Ordinary Assembly and the Extraordinary Assembly will be valid regardless of the number of intervening members, and it deliberates with the favourable vote of the majority of those present.

All members who have met their yearly membership quota hold the right to vote. Members may be represented in the Assembly by another member provided he is given written delegation. Each member may be delegated to represent no more than one other member at a time.

ARTICLE 13 – ASSEMBLY PROCEEDINGS

The Assembly is presided by the Association president or, in his or her absence, by one of the members of the C.D.I.; in case both are absent, the Assembly nominates as President for the duration of the present proceedings one of the Members legally intervening in the Assembly designated by the majority of those present.

The Assembly, in the case that the current office-holder should be absent, nominates a secretary who will take minutes and, if necessary, designate up to five scrutineers and voting assistants.

The President verifies the correct constitution of the Assembly, moderates and regulates interventions and discussions, and sets the modes and order of voting following the agenda.

The Assembly minutes, signed by the President who presided over it, by the secretary, and by any scrutineers/voting assistants, must be made available to all members in the way thought most suitable by the Committee for Direction and Implementation so as to guarantee it is spread as widely as possible among members and, if deemed suitable, to the public at large.

ARTICLE 14 – GENERAL ASSEMBLY OF MEMBERS

The General Assembly of Members takes place each year on a day between the 1st and the 15th of July.

The day of the General Assembly of Members coincides with the opening of the new year of the Association’s activities and the beginning of the membership campaign.

During the General Assembly of Members the preliminary budget for the new year is deliberated upon and the programmatic directions of the Association are shared and discussed.

ARTICLE 15 – ASSEMBLY FOR THE ELECTION OF OFFICES AND BUDGET DELIBERATION

The Assembly takes place each year on a day between the 1st and 15th of December.

On this occasion, the final budget for the previous year is submitted for the approval of the Assembly of members.

The final budget is meant to provide information on the overall economic and financial situation of the Association at the end of the previous year of activity and must be compiled with clarity. It must represent in a truthful and correct manner the patrimonial and economic and financial situation of the Association, in keeping with the principal of transparency with regard to the members of the Association.

Members will also have to deliberate with regard to the membership quotas for the following year of activity.

During the Assembly, every two years the members of the Committee for Direction and Implementation will be elected, and every four years, the president of the Association will be elected.

ARTICLE 16 – BODIES OF THE ASSOCIATION

Alongside the Assembly of Members, the following are bodies of the Association:

  1. The Committee for Direction and Implementation;
  2. The President

ARTICLE 17 – ELECTION TO OFFICE

All members for at least 2 years may be elected to and hold one of the Association’s offices.

In order to be elected to president, members must have held membership for at least 3 years.

Those who wish to be elected or re-elected to office must present their candidacy at least 5 days before the date of the apposite Assembly (see art. 15) via written communication to the incumbent President or to the electoral Secretary in case he or she has been nominated by the Committee for Direction and Implementation.

Each post as member of the Committee for Direction and Implementation is renewed:

– every two years during the Assembly for the election of offices and budget deliberation;

– during the year of activity in case a post becomes vacant (in which case the President must offer written communication of this to Members)

In order to stand for office, it is necessary to be actual members of the Association and thus to possess the requisites set out in the present Statutes, and to not hold posts in other non-professional sporting associations within the same non-professional sporting discipline.

The Operational Council (see art. 20) is composed of non-elected members appointed directly by the Committee for Direction and Implementation.

ARTICLE 18 – THE PRESIDENT

The President, delegated by the Committee for Direction and Implementation, conducts the Association and acts as its legal representative. He or she will legally represent the Association in all proceedings, contracts, verdicts, and in all relation with public or private institutions, association and official body.

The President is elected or re-elected every 4 years by the Members during the Assembly for the election of offices and budget deliberation held in December.

Any candidate for Presidency must have been a member of the Association for at least 3 years, unless 50%+1 of the Assembly of Members vote for a suspension of the rule.

ARTICLE 19 – THE COMMITTEE FOR DIRECTION AND IMPLEMENTATION

The Committee for Direction and Implementation (C.D.I.) is a body formed of 9 members, including the President.

All members of the Association for at least 2 years may be elected to hold a post in the C.D.I.

The Committee for Direction and Implementation is elected or re-elected every 2 years in each of its components, during the Assembly for the election of offices and budget deliberation. Members of the C.D.I. are elected from among all candidacies received by the President or electoral Secretary within the predisposed deadlines (see art. 17).

Each Member present at the Assembly may indicate up to 8 preferences.

The Committee for Direction and Implementation contributes to the definition of the strategy for the pursuit of the general aims of the Association by:

  1. Identifying areas for intervention and apposite Area Officers, who will form the Association’s Operational Council (O.C.), following the provisions contained in art. 20;
  2. Managing and setting the resource quotas for each area of intervention;
  3. Communicating to Members the definition of the areas for intervention and the members chosen for the Operational Council within 30 days from the July General Assembly, together with any variation which may occur;
  4. Presenting the provisional budget for the current season and the final budget of the previous season (art. 15);
  5. Organizing and coordinating the workings of the Operational Council;
  6. Communicating to Members the Association’s work progress via electronic means (email, newsletters), summoning every three months a Council meeting open to all Members (see art. 21) and allowing the latter to view the Committee’s monthly meetings.

All offices within the Association are held pro bono, without monetary compensation. The Committee for Direction and Implementation remains in office for two years and its components may be re-elected. Its deliberations are adopted via a majority vote. The vote of the President has the same value as that of the other members of the Committee, except when there is a draw owing to abstentions; in which case the President’s vote will hold decisive value.

The Committee’s meetings are valid when most of the incumbent members are present, and it deliberates with the majority vote of those present.

In order to be valid, the Committee’s deliberations must be found in written minutes signed by those taking part in the meeting. The minutes document must be made available to all members via whichever means the Committee deems most suitable to guarantee its maximum spread.

Any component of the Committee who is absent without justification from three Committee meetings, not necessarily consecutive, automatically loses his or her post.

If for any reason one or more components of the Committee should not be able to continue holding office, the President or remaining members will summon an assembly of members to surrogate the missing component(s) who will hold office until the end of the substituted components’ terms.

The Committee for Direction and Implementation must be considered disbanded and no longer in office in case the majority of its components are not able to continue holding office, whether due to resignation or other causes.

ARTICLE 20 – OPERATIONAL COUNCIL

The Operational Council is articulated in Areas for intervention.

The number and operational direction of areas for intervention are set by the C.D.I. except for an administrative area which is in any case mandatory.

The officers charged with each Area for intervention thus form part of the Association’s Operational Council and are nominated by the Committee for Direction and Implementation.

The appointment of area officers and any variation thereof must be communicated to the Members of the Association (see art. 19 c).

Each area for intervention includes one or more functions connected with the suitable proceedings and job description defined by an apposite regulation, as well as a potential budget assigned by the C.D.I.

Those charged with individual functions constitute the team of each area for intervention. They are identified jointly by the Area Officers and C.D.I.

Components of the operational council and those charged with individual functions are not necessarily Members of the Association. In a few specific cases, they may receive a reimbursement of expenses necessary for their services.

ARTICLE 21 – OPEN COUNCIL

The “open” council is summoned by the President every 3 months, and adequately advertised through the Association’s media and within the apposite member’s reserved area (see art. 10).

The “open” council allows the participation of the C.D.I., of the Operational Council, and of all Members of C.S. Lebowski.

As first count on the council’s agendas, Members will be presented with the progress of the workings relative to those themes deemed most pressing by the C.D.I.

Following this, all themes submitted by Members up to 5 days prior to the Council may be discussed.

The open council allows all Members to speak. Everyone, members, councilmen and -women, and committee components, may speak for the same amount of time, in keeping with total freedom of opinion and expression.

At the end of the meeting, any proposals submitted will be voted by the members of the Committee as if at a normal Committee meeting.

ARTICLE 22 – TERMINATION OF TERM IN OFFICE

 The term of any of the Association’s office holders is terminated due to:

– resignation;

– revocation, in case grave motives have emerged.

The revocation of the office of President, and consequently of the entire C.D.I., must be deliberated by a majority of Members during an apposite Extraordinary Assembly summoned by the absolute majority of Founding Members.

The revocation of the office of an individual member of the C.D.I. must be deliberated by a majority of Members during an apposite Extraordinary Assembly summoned by a number of ordinary Members sufficient to constitute at least one tenth of total membership.